LE PLAYLIST DELLA LINEA MASON & DIXON

Quarantine, here we come again… La quarantena però non ci impedisce di guardare il cielo dal balcone, dalla finestra o con la mente e farci cullare dalla musica…

1. Helios – Halving the Compass
2. Hammock – Blankets of Night
3. Max Richter – On the Nature of Daylight
4. Balmorhea – Elegy
5. Robin Guthrie – Conquering The Romantic
6. Ólafur Arnalds – 0040
7. Sigur Rós – Olsen olsen
8. The Album Leaf – Wet The Day
9. Stafrænn Hákon – “Unnar”
10. Eluvium “The Motion Makes Me Last” Video
11. Ambre – Nils Frahm
12. Balmorhea – Baleen Morning
13. Dustin O’Halloran — We Move Lightly
14. Hammock – Losing You to You
15. Eluvium – Prelude for Time Feelers
16. David Sylvian – Waterfront
17. Bruno Sanfilippo – Piano Textures IV
18. Sebastian Plano – All Given To Machinery
19. Brian Eno – By This River
20. Nils Frahm – Snippet
21. Peter Broderick – A Snowflake
22. Penguin Cafe – Winter Sun
23. Rain Tree Crow – Blackwater
24. Lubomyr Melnyk – Sunshimmers
25. Hammock – Tristia
26. Goldmund – Before
27. Sylvain Chauveau – Blanc
28. David Sylvian – Darkest Dreaming
29. Ryuichi Sakamoto : Amore
30. Harold Budd · Brian Eno – The Plateaux Of Mirror
31. Philip Glass – Glassworks – 01. Opening
32. Arvo Pärt- Spiegel im Spiegel
33. Peter Broderick – And It’s Alright
34. Jóhann Jóhannsson – Fordlândia
35. William Basinski – O, My Daughter, O, My Sorrow

Quanti sono i “lunatici” placidamente distesi sui prati inglesi che abbiamo incontrato e amato nel corso della nostra vita? Questi sono i nostri…

 

1. Syd Barrett – Dominoes
2. Hintermass – Apple Tree
3. Brian Eno – Golden Hours
4. Kevin Ayers – May I?
5. Paul Smith – Santa Monica
6. Paul Giovanni – Gently Johnny
7. Jennifer Gentle – Circles Of Sorrow
8. Nick Drake – Northern Sky
9. Brian Eno – By This River
10. Television Personalities – I Know Where Syd Barrett Lives
11. Nick Nicely – Hilly Fields
12. Julian Cope – O King Of Chaos
13. Paul Roland – Requiem
14. Soft Machine – A Certain Kind
15. Brian Eno – I’ll Come Running
16. Robyn Hitchcock – Flavour Of Light
17. Hintermass – From Leaving in Meaning
18. Jennifer Gentle – Wondermarsh
19. Franz Ferdinand – Eleanor Put Your Boots On
20. Paul Giovanni – Willow’s Song
21. Kaleidoscope – Please Excuse My Face
22. Paul Smith – Philly
23. Hintermass – Weicher
24. Pink Floyd – Brain Damage
25. Caravan – Hello Hello
26. Donovan – Isle Of Islay
27. Michael Head & The Strands – Queen Matilda
28. Graham Coxon – Far from Everything
29. Richard Youngs – I Need The Light
30. Damon Albarn – Damon Albarn: Dr Dee, An English Opera: No. 8, The Marvelous Dream
31. Martin Newell – Tribute To The Greatest Living Englishman
32. Arch Garrison – Open My Eye
33. Pink Floyd – Vegetable Man
34. Kevin Ayers – Oh! Wot a Dream
35. XTC – Love on a Farmboy’s Wages

Si può raccontare un libro utilizzando la musica? Si, se il libro è del compianto Mark Fisher: basta seguire il flusso dei suoi ragionamenti e delle canzoni chiamate a supportarli.

 

1. Japan – Ghosts
2. Rufige Kru – Ghosts of My Life
3. The Starving Souls – I Be The Prophet
4. The Associates – Club Country
5. Joy Division – She’s Lost Control
6. Burial – Southern Comfort
7. Little Axe – If I Had My Way
8. The Advisory Circle – Mind How You Go
9. Little Axe – Prisoner
10. Black To Comm – Rauschen
11. The Advisory Circle – Lonely Signalman
12. alva noto – T3 (for Dieter Rams)
13. Position Normal – Heavy
14. Ultravox – Maximum Acceleration
15. Position Normal – Undada Sea
16. Black To Comm – Jonathan
17. Colleen – John Levers The Ratchet
18. Britney Spears – Piece of Me
19. The Human League – You Remind Me Of Gold
20. Darkstar – Aidys Girl’s a Computer
21. Mordant Music – Transmission Start-Up
22. Mordant Music – Post-Apocalypse Listings
23. John Foxx – Blurred Girl
24. John Foxx – Shadow City
25. The Hip Hop Nation – Empire State of Mind
26. Junior Boys – So This Is Goodbye
27. Kanye West – Say You Will
28. Frank Sinatra – When No One Cares
29. James Blake – I Only Know – What I Know Now
30. The Cure – All Cats Are Grey
31. Ultravox – When You Walk Through Me
32. The Young Gods – September Song
33. Junior Boys – FM
34. Kanye West – Pinocchio Story
35. Mark Stewart & The Maffia – Jerusalem

 

 

La playlist dei “nostri” migliori dischi del 2020. QUI potete leggere  l’articolo di approfondimento dedicato alla musica dell”anno. 

 

1. Nicolas Jaar – Cenizas
2. Sault – Street Fighter
3. Mourning [A] BLKstar – Sense of an Ending
4. Keleketla! – International Love Affair
5. Calibro 35 – Glory-Fake-Nation
6. Jeff Parker & The New Breed – Max Brown (Film by Mikel Patrick Avery)
7. Kassa Overall – Darkness In Mind feat. Sullivan Fortner
8. Jeremy Cunningham – 1985
9. Shabaka And The Ancestors – Go My Heart, Go To Heaven
10. Fiona Apple – Shameika
11. The Weeknd – Blinding Lights
12. RVG – Perfect Day
13. Armand Hammer “Charms” ft. KeiyaA
14. R.A.P. FERREIRA – LEAVING HELL
15. Moor Mother – Chimney
16. Gil Scott-Heron, Makaya McCraven – I’m New Here
17. The Lemon Twigs – Live in Favor of Tomorrow
18. WESTSIDE GUNN – EURO STEP
19. Heliocentrics – Burning Wooden Ship
20. Jyoti & Rakesh Pandey – Ra’s Noise
21. Ambrose Akinmusire – Yessss
22. Liv.e – I Been Livin
23. Beatrice Dillon – Workaround One
24. Cabaret Voltaire – Vasto
25. Bob Dylan – I Contain Multitudes
26. The Bug Ft Dis Fig, You
27. Paul McCartney – Seize The Day
28. Mac Miller – Good News [Official Music Video] 29. Irreversible Entanglements – “No Más”
30. Daniel Blumberg – Bound
31. Pantha du Prince – Pius in Tacet
32. Yves Tumor – Gospel For A New Century
33. Freddie Gibbs & The Alchemist – 1985
34. Horse Lords – Against Gravity
35. Run The Jewels “Ooh LA LA” feat. Greg Nice & DJ Premier
36. Belbury Poly – The Gone Away
37. Autechre – Metaz form8
38. Sonic Boom – “Just Imagine”
39. Philip Parfitt – All Fucked Up
40. The Flaming Lips – Dinosaurs On The Mountain
41. Pa Salieu – My Family feat BackRoad Gee
42. Bill Fay – Filled With Wonder Once Again
43. The Necks – Bloom
44. Paul Molloy – My Madonna
45. Coriky – Clean Kill
46. Against All Logic – If Loving You Is Wrong
47. Gurubanana Refill Nana Bang! Life as a grown up
48. Martin Green – The Portal
49. Protomartyr – Bridge & Crown
50. Richard Skelton – For The Application of Fire
51. Il Quadro di Troisi – Sfere di Qi
52. Rival Consoles – Articulation
53. Aksak Maboul – Silhouettes
54. Giorgio Canali E Rossofuoco – Eravamo noi
55. Matt Elliott – Farewell to All we Know
56. Sam Lee – The Garden of England (Seeds of Love)
57. Gigi Masin – Calypso
58. Teho Teardo – Ellipse dans la mélodie
59. Alessandra Novaga – Poppies in the Morning
60. Colombre – Per un secondo
61. C+C=Maxigross – Il Vento
62. Lorenzo Senni – Canone Infinito
63. clipping. – Make Them Dead
64. dumama + kechou – for madala
65. Non Voglio Che Clara – Superspleen
66. Alfio Antico – Re Bufé
67. Fontaines D.C. – I Don’t Belong
68. Marco Parente – Nella giungla
69. Mong Tong – Ancient Mars
70. Nazar – Immortal
71. Alfio Antico – Lettu Leu

Pensate che il folk britannico si sia fermato ai Pentangle e ai Fairport Convention? beh allora siete nel posto giusto perchè questa playlist unitamente all’articolo sul folk britannico contemporaneo che potete leggere QUI, proverà a dimostrarvi il contrario. E se vi piace magari date una lettura anche a questo articolo

1. The Gloaming – Meáchan Rudaí (The Weight of Things)
2. Lau – The Bell That Never Rang
3. Kris Drever – Harvest Gypsies
4. Aidan O’Rourke & Kit Downes – At the interval as the applause dies away
5. Martin Green (feat. Becky Unthank & Adam Holmes) – Strange Sky
6. Fred Thomas – Gentle Lady
7. Alasdair Roberts, Amble Skuse, & David McGuinness – The Fair Flower of Northumberland
8. Sam Lee – Jonny O’ the Brine
9. Yorkston Thorne Khan – Everything Sacred
10. Richard Dawson – Hob
11. Declan O’Rourke – Poor Boy’s Shoes
12. The Memory Band – The Wearing Of The Horns (Weyhill On My Mind)
13. The Imagined Village – New York Trader
14. Lankum – The Young People
15. Red River Dialect – Juniper / The View
16. Galley Beggar – Empty Sky
17. Firefly Burning – We Are a Bomb
18. The Magnetic North – Bay of Skaill
19. Caoimhín Ó Raghallaigh & Thomas Bartlett – Strange Vessels
20. Martin Hayes – Bob and Bernie
21. Iarla Ó Lionáird – A Nest Of Stars
22. This is How we Fly – What What What

Da qualche anno a Chicago c’è una strana etichetta di Jazz. Strana perchè piace più ai rockettari che ai jazzofili. Noi ne abbiamo parlato QUI e la playlist vuole offrirvi una sintesi rappresentativa di quello che la benemerita International Anthem propone.

1. Jaimie Branch – prayer for amerikkka Pt. 1 & 2
2. Angel Bat Dawid – Black Family
3. Irreversible Entanglements – No Más
4. Damon Locks – Sounds Like Now
5. Rob Mazurek — Exploding Star Orchestra – Parable 3000 (We All Come From Somewhere Else)
6. Makaya McCraven – Universal Beings
7. Alabaster dePlume – Song of the Foundling
8. Junius Paul – Paris
9. Resavoir – Woah
10. Ahleuchatistas – Sundowning
11. Ben LaMar Gay – Muhal

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo (vedi QUI):

“Cari Mason & Dixon,

il mio nome è Mr. Bridge e vi scrivo perché ormai sono giunto al limite della frustrazione. Sono anni che io e gli appassionati di musica ci incontriamo quotidianamente all’incirca tra il penultimo ritornello e l’ultima strofa. Eppure quando parlano di musica, ecco che si esaltano per riff di chitarra, magnificano ritornelli indimenticabili o si commuovono per strofe struggenti. A volte li ho sentiti lodare persino quelle sfigate delle code (ah come sono contento quando vengono sfumate sul più bello…), ma mai una volta che si ricordassero di me!Eppure io il mio dovere l’ho sempre svolto in maniera egregia. Sono pure in ottimi rapporti con i migliori autori di canzoni, che hanno sempre saputo sfruttare al meglio le mie capacità… ma niente, il mio nome sembra destinato all’oblio e io alla solitudine.
Ed è per questo che vi scrivo cari Mason & Dixon. Vi chiedo quindi di aiutarmi a riabilitare il mio nome e a fare conoscere al mondo ciò di cui sono capace.Mi raccomando conto su di voi e fate in modo che io non abbia a dire “avrei dovuto scrivere a Rumore o Ondarock….”

Con Stima
Vostro Mr. Bridge

Dopo un primo momento di sgomento, ci siamo messi di buona lena e abbiamo individuato quelli che a nostro avviso sono alcuni dei bridge più belli della storia. Abbiamo quindi sottoposto l’elenco allo stesso Mr. Bridge che gentilmente ci ha scritto un piccolo commento per ogni canzone. Li riportiamo di seguito:

1. Elton John – Tiny Dancer
A Elton serviva qualcosa che gli preparasse la strada per il ritornello… aveva una bella strofa e un chorus straordinario che sapeva di grandi spazi e di pulmini con dentro una band in viaggio nelle highway americane, ma gli mancava un trampolino… qualcosa che unisse le due cose.. quindi mi chiama e mi chiede se mi occupo anche di queste cose e io rispondo: ma scherzi?! E’ una delle mie specialità! Lui si mise a ridere e disse: sapevo che potevo contare su di te!
Era un bravo ragazzo, John… Non lo sento da tanto tempo.

2. David Bowie – Space Oddity
All’epoca Bowie era solo un ragazzetto con la chitarra acustica, ma aveva già le idee chiare e la battuta pronta. Io per prenderlo in giro gli dicevo sempre ma si capisce perché questo Maggiore Tom si perde nello spazio? E lui per tutta risposta: “E che ne so io. Il motivo sta nella parte che devi scrivere tu…” Ora, io ho tanti difetti, ma non mi sono mai fatto mettere sotto da un ragazzetto inglese con gli occhi spaiati E così gli consegno una parte in cui il suo personaggio, fissando il pianeta Terra, ne scorge la tristezza, fino a comprendere la propria impotenza. Poi gli dico: “A te, la prossima mossa, Duca!”.
Ne seguirono tante e tutte di gran classe.

3. Beatles – A Day In The Life
Meno male che quel gruppo si è sciolto dopo soli sette anni… Non facevano altro che chiedermi materiale, uno dopo l’altro. Mi piace la scelta che avete fatto: io avrei optato per We can work it out con la parte pessimista di John che si alterna a quella ottimista di Paul, ma anche A day in the life va bene…
D’altronde si tratta tecnicamente di un brigde che interrompe, con il ricordo scolastico di Paul, l’andamento narcotico e lisergico della strofa di John.

4. Smashing Pumpkins – Zero
Tra me e i rockettari il rapporto non è mai stato facile. Per carità, rispetto reciproco e tutto il resto, ma come dire… non sempre si preoccupano della struttura del brano: gli basta un riff e il gioco è fatto e forse hanno pure ragione, dopotutto… Comunque, in questo pezzo Billy mi chiese un contributo e io gli diedi questo break con le parole che si inseguono e aprono verso un assolo acidissimo. Billy rimase senza parole.
Secondo me la mia parte ruba la scena anche a quel cazzo di riff…

5. Nick Cave – People Ain’t No Good
Quante ne abbiamo passate io e Nick. Ai tempi dei Birthday party, faceva un gran casino, ma io già intravedevo la stoffa del grande songwriter. Quanto dolore mi ha procurato scrivere questa parte.
Le parole di Nick sono pura poesia:
“To our love send a dozen white lilies
To our love send a coffin of wood
To our love let all the pink-eyed pigeons coo
That people they just ain’t no good
To our love send back all the letters
To our love a valentine of blood
To our love let all the jilted lovers cry
That people they just ain’t no good”

6. John Mellencamp – The Longest Days
Mi piace lavorare con la gente del Midwest. Soprattutto quando fanno country. Sono artisti che si credono semplici artigiani e alla fine non hanno grosse pretese. Di solito ti ordinano piccole variazioni, magari una riflessione, un momento per tirare il fiato e riprendere con maschia sobrietà la strofa o il ritornello…
E’ brava gente. Io li chiamo lavoratori della canzone. Questa poi è bellissima.

7. Jarvis Cocker – Don’t Let Him Waste Your Time
Jarvis è uno dei miei preferiti. Ok, il personaggio e tutto il resto, ma c’è da dire che sa come si scrive una canzone pop. Ad esempio, in questo brano il mio lavoro è un po’ scontato: abbiamo una strofa ed un ritornello, poi la chitarra, una piccola variazione di tonalità ed entro io che faccio il mio sporco lavoro per poi preparare il terreno per l’ultima strofa.
A volte l’artigianato da più soddisfazioni del lavoro d’artista.

8. Elliott Smith – Son Of Sam
Qua riapriamo una ferita aperta. Elliott era un amico prima che un cliente. Credo non serva qui ricordare quanta sensibilità avesse il ragazzo e come riuscisse a suonare melodico rifuggendo da ogni stereotipo. Spesso gli consegnavo una parte e poi dopo mesi riascoltavo il pezzo e mi accorgevo che la aveva usato come strofa o magari come ritornello.. In questo brano che avete scelto il bridge lo piazza in coda e ci conclude la canzone… Mi manca molto…

9. Big Star – The Ballad Of El Goodo
Alex Chilton è il paradigma dell’ingiustizia: mai visto un talento così grande riscuotere un successo così misero. Vabbè, poi lo avete rivalutato e gli avete reso omaggio… Ok, i Teenage Fanclub, i Replacements, ma dove eravate quando componevamo roba come questa? Dove eravate mentre sulle mie note Alex cantava Hold on, Hold on… Dove?

10. Beach Boys – Surf’s Up
Questa è bella. Vengono da me questi due tizi che mi chiedono una parte per una loro canzone. Stanno lavorando a un progetto ambizioso. Qualcosa che celebri Dio, la giovinezza, l’America, il surf, la gioia e chissà che altro. Insomma presento il lavoro e a loro non va bene, gliene presento un altro e di nuovo ne chiedono un altro ancora… Alla fine, dopo mesi, scopro che il progetto è andato alla malora. Il ragazzetto cicciotto non se la passa nemmeno troppo bene. Quando poi questo brano viene recuperato dai fratelli, mi ritrovo ad ascoltarlo per curiosità e mi accorgo che quei due le avevano usate tutte le mie parti, anche quelle che mi avevano fatto rifare.
E dire che mi avevano pagato per una sola…

11. Wilco – Nothing’severgonnastandinmyway (Again)
Oh i Wilco! Con loro una volta non ci si annoiava mai. Ogni volta che si partiva non si sapeva mai dove si sarebbe andati a parare… E pensare che all’inizio non mi ero impegnato più di tanto perchè li avevo scambiati per il solito gruppo di americana.. due palle! Ma poi é cominciato il viavai: un walzer di incontri e scontri, addii e partenze che ruotavano attorno a Jeff che nel frattempo cresceva sempre più come autore. Nel periodo in cui compose questa canzone, Jeff aveva scoperto il pop e la sua sinergia con Jay Bennett aveva portato il gruppo lontano dalle praterie e dritto dentro degli anni sessanta ricostruiti in piena esplosione indie-rock. Io da parte mia mi divertii a inserire nella canzone una sezione beatlesiana che più beatlesiana non si può in bilico tra eccessi sonori e perfezione melodica.

12. Grant Lee Buffalo – Mockingbirds
A volte capita, magari non dura a lungo, ma capita. Ci sono autori con cui si ha un rapporto quasi telepatico. Ci si guarda negli occhi, la musica scorre nel modo giusto e non si ha bisogno di parole o spiegazioni. Io e Grant per un po’ siamo stati una coppia formidabile e se c’è una canzone di cui vado particolarmente fiero é proprio questa. Il mio apporto é piuttosto breve, ma a volta la bravura si vede proprio in queste occasioni e quel cambio grave di accordi, che rallenta il brano prima che si apra verso un luminoso solo di chitarra, se permettete è pura classe!

13. Scott Walker – Cossacks Are
Un giorno arriva questo tizio di una certa età, agghindato come un ragazzino, pochi capelli tinti, cappellino da baseball e un paio di occhialoni da sole. Quando si toglie gli occhiali, lo riconosco e capisco di essere nei guai. Mi ha sempre fatto penare il buon Scott…e dire che all’inizio sembrava un ragazzo così tranquillo e un ottimo cliente tra l’altro: gli scrivevo le parti per i suoi Walker Brothers con la mano sinistra, mentre facevo altro…. Poi cominciò a diventare sempre più esigente. Prese l’abitudine di sparire per lunghi periodi e riapparire a distanza di sempre più anni. Ogni volta dai suoi occhi filtrava uno sguardo sempre più allucinato e sembrava voler spingere il confine sempre un po’ più in là. Quella volta si era presentato con questo pezzo percussivo e inquietante e mi dice “Sono bloccato in un loop ossessivo.. sento che manca qualcosa, ma non riesco a uscirne, ho provato a inserire di tutto: quarti di manzo percossi, spade da samurai e rumori di ogni genere, ma non riesco a venirne fuori. Solo tu puoi riuscirci”. Sentendo le sue parole, ho avuto l’illuminazione: la parola chiave era sottrazione. Eliminai tutti gli strumenti, lasciando solo un tappeto di rumori di fondo. In quel vuoto sospeso innestai un’aria quasi operistica che solo quella voce poteva interpretare. Così gli diedi quello che cercava: una parte tesa e drammatica che preludeva in maniera perfetta al ritorno del finale oppressivo. Sono bravo eh?

1. Elton John – Tiny Dancer
2. David Bowie – Space Oddity
3. Beatles – A Day In The Life
4. Smashing Pumpkins – Zero
5. Nick Cave – People Ain’t No Good
6. John Mellencamp – The Longest Days
7. Jarvis Cocker – Don’t Let Him Waste Your Time
8. Elliott Smith – Son Of Sam
9. Big Star – The Ballad Of El Goodo
10. Beach Boys – Surf’s Up
11. Wilco – Nothing’severgonnastandinmyway (Again)
12. Grant Lee Buffalo – Mockingbirds
13. Scott Walker – Cossacks Are

 

Quarantine, here we come again… La quarantena però non ci impedisce di alzare lo sguardo verso il cielo dal balcone, dalla finestra o solo con la mente e farci cullare dalla musica…

Dopo aver parlato abbondantemente dei dischi del 2019 QUI, li abbiamo messi in fila in ordine sparso

Quanti sono i “lunatici” placidamente distesi sui prati inglesi che abbiamo incontrato e amato nel corso della nostra vita? Questi sono i nostri…

Avete presente l’espressione anno di grazia? Signore e signori ecco a voi il 2016!! Buon ascolto! PS Per approfondimenti potete andare QUI

Si può raccontare un libro utilizzando la musica? Si, se il libro è del compianto Mark Fisher: basta seguire il flusso dei suoi ragionamenti e delle canzoni chiamate a supportarli.

Dopo aver parlato di un paio dei loro migliori eredi QUI occorre fare un pieno di energia krauta: la colazione dei campioni!